mercoledì 10 marzo 2010

Politicanti e Caos




















-CAOS-


In questo particolare momento della vita politica italiana assistiamo sgomenti all'uno che taccia l'altro di barare e all'altro che accusa l'uno di complottare,
con diatribe quotidiane dalle quali - l'esperienza insegna - tra i due contendenti, fatti di identica pasta, non esce mai un vincitore né un perdente. Tuttavia uno sconfitto c'è: il popolo, che inebetito ed impotente assiste allo sfacelo e al caos. I lavoratori continuano a rischiare il posto di lavoro, i giovani disoccupati restano tali, i pensionati non arrivano a fine mese, i malati aspettano tre anni per curare una carie, la delinquenza prospera, l'insicurezza sociale dilaga. Ai responsabili di tutto ciò, "i politicanti", gridiamo: BASTAAAAAAA!!!!!! Andate a casa!!! Largo alle nuove generazioni!!! A grande richiesta, dedichiamo loro il seguente canto:


Politicanti? Diu nni liberi e scampi!
Di ritta o manca, stissa sinfunia,
stacci luntanu finu a quannu campi.

Prima ru votu t'abbrazza e ti vasa,
'a so' parola sùbitu arricria:
"Curò! 'a me' casa è 'a to' casa,

pi' figghi to' 'u travagghiu è assicuratu,
fa' cuntu ca' vincisti 'a lottiria",
dici currennu 'nca pari assicutatu.

S'acchiappa 'u purpu e tu c'allonghi 'a manu,
'un ti canusci cchiù, si' camurria.
Resti accussì: babbiatu sanu sanu.

zio-silen

Nessun commento: